Costellazioni Acquariane

COSTELLAZIONI ACQUARIANE


Logo Costellazioni acquariane di Franco MarsiliNon ancora soddisfatto delle straordinarie “Costellazioni Armoniche Angeliche e Archetipe” la sperimentazione e le mie vecchie conoscenze mi hanno portato a ricercare il MASTER della Gioia: la liberazione del Bambino Magico, sotto la guida del nostro Maestro del Cuore e l’essere Uno con il proprio Maschile e Femminile..

Ormai Stanchi di pianti e di energie destabilizzanti, proprio come la leggerezza e l’innocenza dei bambini, nasce l’Armonizzazione immersa nelle Geometrie Sacre quali il Pentagono, l’Esagono, l’Ottagono… il Dodecagono e con l’aiuto delle Entità Celesti con lo scopo di liberare la persona.

Le “femmine” ed i “maschi” sono dislocati in punti precisi e determinati della figura geometrica sacra scelta, ed il cosiddetto “Cliente” viene posto al centro della stessa.

Deliberatamente volute perchè sono amore allo stato puro dello Spirito, così nascono le Costellazioni Acquariane, sono al servizio del rispetto e dell’onore verso il Maschile e verso il Femminile e/o viceversa, della convivenza umana, delle relazioni nella famiglia (tra marito e moglie, tra genitori e figli), degli ordini nel lavoro, nella professione e nelle organizzazioni fino a raggiungere gruppi estesi come ad esempio i popoli e le culture.

      Allo stesso tempo è allontanarsi dai disordini che conducono la convivenza umana al conflitto ed alla separazione degli uomini l’uno dall’altro. Questi ordini e disordini si trasferiscono  anche al corpo giocando un ruolo importante nelle malattie e nella salute fisica, dell’anima e dello spirito.

Ho avuto questa ulteriore illuminazione e l’ho sperimentata nell’attività pratica personale ed anche pubblicamente,  pertanto molti hanno  potuto provare gli effetti di queste conoscenze tanto su sé stessi quanto sulle loro relazioni. Le Costellazioni Armoniche ed Acquariane sono in movimento, vale a dire che il suo sviluppo è in corso e lo é proprio grazie alle esperienze ed anche alle sue Gioiose conseguenze. Quale movimento energetico non è da intendersi come un dogma che comunica e dove si apprende un qualcosa di definitivo. Perciò, non c’è neppure alcun controllo sul suo successo che in qualche misura lo si dovrebbe giudicare secondo dei parametri  al di fuori di esse o come se esse dovessero giustificarsi in base ai risultati. II suo effetto e il suo successo sono la sua giustificazione. E’ sotto tutti i punti di vista una scelta aperta.

Anch’io lentamente ho appreso la portata delle mie idee sugli ordini della convivenza umana e dell’amore umano, ho riconosciuto che queste confluiscono assieme in un area più ampia, al di sopra delle nostre relazioni e che è giunto il momento di allargarla ad un ampio pubblico. 

La dimensione spirituale delle Costellazioni Acquariane

Le Costellazioni Acquariane hanno raggiunto un’altra dimensione superando i concetti di ordine e disordine nelle nostre relazioni, una dimensione dell’io sono.  In primo luogo, solo riferendoci a questo ci rendiamo conto della portata di questi concetti ed è comprensibile il suo significato universale e le conseguenze che ne derivano in tutti gli ambiti. Tutto ciò che esiste non si muove da solo e viene mosso dall’esterno. Anche quando qualcosa sembra che abbia una propria origine indipendente, come per esempio tutto ciò che vive, il suo movimento ha un inizio che non può essere spontaneo come quello degli esseri viventi che è riconducibile ad un’origine che viene dal di fuori di loro e del loro ciclo vitale, ma si ripete ininterrottamente finché c’é vita.

     Ogni gesto, in primo luogo qualsiasi azione vitale, è un movimento consapevole e quindi perfettamente pensato da un disegno che lo fa agire così come è stato originato. All’origine di ogni movimento vi è un disegno, e tutto è perfetto così come é. Per questo disegno non c’è nulla di diverso da come lo vuole, da come è e da  come si muove. Ogni azione è, alla fine, un movimento di questo disegno per il quale nulla ha termine e tutto ciò che era, lo è e lo sarà perché “è” così come disegna noi nel presente e allo stesso tempo, come saremo nel futuro.

      Poiché nella perfezione del disegno Divino ciò che verrà  assieme al passato, lo stesso è collegato al futuro e di conseguenza Il passato è in movimento verso quello che accadrà  e raggiungerà in esso il suo pieno adempimento.

      Ma nel contempo anche ciò che deve venire sarà passato e come tale si muoverà tanto da portare a compimento il suo movimento per ripartire in attesa del suo divenire. Come si può ben intuire, non è immaginabile che tutto questo disegno in movimento finisca e come non può esserci nulla che non sia nella perfezione del disegno Divino. Sulla base di questo pensiero, fluiscono molte considerazioni  finora. Per esempio, l’idea del libero arbitrio o l’idea di una responsabilità personale con la conseguenza di spazzare via molti dei giudizi di valore e delle differenziazioni  caratterizzanti la nostra cultura. Qui, accenniamo, in primo luogo, alla distinzione tra bene e male, tra giusto e sbagliato, tra scelto e rifiutato, tra sopra e sotto, alto e basso, migliore e peggiore e per ultimo, ma non di minore importanza, tra vita e morte.

      Eppure, continuiamo ad incontrare queste differenze e le viviamo pure. Non sono anch’esse pensate e volute dalla perfezione del disegno, così come sono?

      Qui, si deve riflettere sul fatto che il passato e quello che deve venire non sono la stessa cosa. Il passato è sulla strada di ciò che verrà.     Perciò, la nostra esperienza ci insegna che esiste un prima ed un dopo, un più ed un meno. Ci troviamo in un’azione che,  in unisono con il disegno e con il suo  ampio movimento, ci fa passare da minore a maggiore consapevolezza.

La libertà

Naturalmente, ci sentiamo liberi a riguardo di molti aspetti.

Da adulti ci sentiamo responsabili per le nostre azioni e per  le loro conseguenze.     Allo stesso tempo, noi, però, sappiamo che un’altra forza, il Divino, ha pensato, ha mosso e ha voluto così la nostra libertà, la nostra responsabilità e la nostra colpa con tutte le loro conseguenze,  che noi viviamo come fossero nostre peculiarità.

Diversamente agiamo o possiamo agire? Da dove prendiamo la forza per muoverci  e per  agire diversamente? Cosa ci resta? 

Agire, proprio come abbiamo fatto finora in armonia con  la nostra libertà, la nostra responsabilità,  il nostro passato e la colpa con tutte le loro conseguenze, così come sono e come noi le sperimentiamo, ma allo stesso tempo le viviamo con una maggiore consapevolezza  che tutto è perfetto così come è. Noi le sperimentiamo consapevolmente e con intensità sia per noi che per coloro che sopportano le conseguenze della nostra libertà, della nostra responsabilità, delle nostre azioni e delle nostre colpe.

Tutte queste persone vivono lo stesso evento differentemente acquisendo un’esperienza diversa. Se percepiscono, sentono di essere contemporaneamente liberi e non liberi raggiungendo un’ulteriore consapevolezza per se stessi permettendo ad altri di aumentare una coscienza universale e, non da poco, forse anche una maggiore comunione con  il disegno.

La preoccupazione

In questa dimensione spirituale confluisce anche la preoccupazione compresa quella sul futuro della Liberazione del Bambino Magico. Viene da un movimento dello spirito così come lo ha pensato e movimentato indipendentemente dal consenso o dal rifiuto di qualcuno. Da Amore universale quale è, dimostra la sua verità nell’uno come nell’altro caso solo attraverso il suo effetto.

      Allora,  cosa sono le preoccupazioni che ci facciamo sul futuro: sul nostro, su quello degli altri uomini e sul futuro del mondo? Queste preoccupazioni non sembrerebbero ridicole come se si potesse cambiare o impedire qualcosa tramite loro? Sarebbero preoccupazioni  contro la perfezione del disegno, come se fossero indipendenti dal Divino.

      Diverso è con le preoccupazioni che ci fanno essere in sintonia con il movimento nel disegno. Sono preoccupazioni dell’assistenza al servizio del mondo, così come questo è. Sono in sintonia con la sua preoccupazione e assistenza. Queste preoccupazioni sono in accordo con gli ordini della vita, anche con il loro inizio e la sua fine.

Il futuro

In sintonia con la perfezione del disegno Divino, per noi, ogni futuro è ora. Nella dimensione spirituale finisce la preoccupazione verso quello che verrà. Ciò che sarà  ci viene mostrato  ora in sintonia con questo movimento. Poiché esiste qualcosa che sarà, per noi c’è un futuro, ma un futuro ora.

      Le Costellazioni Acquariane è un movimento per l’“ora”. Tutte le sue conoscenze hanno effetto ora e subito. Anche ogni resistenza verso queste conoscenze ha effetto immediato. In ciò, si mostra che le Costellazioni Acquariane sono una danza: la Danza delle nostre relazioni di ora.

L’amore

In fin dei conti le Costellazioni Acquariane sono amore. E’ un Movimento universale dell’amore. E’ quell’amore che comprende tutto e proprio tutto allo stesso modo.

      Come avviene questo amore? Accade in sintonia tra il bambino magico ed il maestro del cuore. E’ amore, è consapevolezza del movimento in sintonia col pensiero del nostro spirito. Sa come ama e come può amare, questo amore è puro come  lo è questa consapevolezza. E’ puro perché viene mosso dal bambino magico. E’ un amore che unisce il maschile ed il femminile, è puro amore che sa e conosce.

      Pertanto è anche un amore creativo sempre in sintonia con il disegno. Ne consegue che questo amore diventa Armonia universale. Come Energia universale ha un effetto globale. Ha effetto perché è vero è Puro è Uno… tutti Siamo Uno .Il bambino magico è la nostra essenza in quanto è a conoscenza di ciò che siamo venuti a fare, della nostra realtà e soprattutto ha la consapevolezza delle nostre qualità, dei nostri talenti senza avere paura e timore di esprimerli.

Il bambino magico, come un dono ricevuto, è capace di vivere la realtà trasformandola a tal punto da ottenere sempre il meglio per se stesso. Quindi avere il contatto con il proprio bambino magico vuol dire essere in sintonia con quello che la vita ci offre, fiduciosi che per noi è sempre qualcosa di bello, di buono e di utile tutto ciò che si presenta.

Il bambino magico ha fede, crede nella vita ed in essa agisce giocando senza aver paura vivendola, giorno per giorno, traendone la massima soddisfazione.

E’ stupendo parlare del bambino magico, perché, anche se molti ancora non lo sentono, è una parte della personalità ben viva ed una volta risvegliata compie veri miracoli.

“ Disse Trilly al suo fedele amico Peter Pan: Io sono in quella zona tra sonno e veglia, quando ti ricordi ancora i sogni, lì ti amerò, lì è il mondo delle fate, lì i sogni diventano realtà.”

Questa frase ci riporta al mondo fantastico delle fiabe, ma anche alla magia che i sogni ed i desideri al servizio del bene supremo possono avverarsi nella nostra vita di adulti.